Il mio sogno? trovare l'anima della corsa.. e della vita.

venerdì 12 gennaio 2018

Vecchie bozze 7 - Incertezza

Paglia di seta dorata al vento, lune illuminanti la savana e sorriso di fresca acqua d'oasi: hai perle rosse sotto al mento, su curve soffici come lana, che ovunque posasi, dicono alle mie mani. Ma è fuoco che non può nascere, se sono solitari tentativi di parte vani: il cuore aspetta una scossa, per riportarlo alla vita. Sennò meglio tacere, meglio non fare una mossa, non sperare nel piacere, che avere solo mezza invaghita.

Ribichesu Davide

Vecchie bozze 6 - Musa

Vocazione e bella,
stesso astro,
nel dì e notturno,
io seguirò.
Come un'ancella,
con solido albero maestro,
in un cimento turno,
al porto arriverò.

Ribichesu Davide

Vecchie bozze 5 - Irraggiungibile

Sera di sogni,
che si infrangeranno.
Notte di attrazione,
mai ricambiata.
Giorni di bisogni,
che si autodistruggeranno.
Mese di infatuazione,
mai accarezzata.
Platea di anonimi, sconosciuti.
Solitaria poesia, abbandonata.
E penso ai rifiuti,
di una vita costellata.
E appari tu,
che brilli come tizzone di lucente perla nera.
E canti tu,
che fai vibrare l’aria di brividi.
E ti muovi..
Tu, che accendi la speranza.
L’eccitazione, l’energia, la vita.
Tu.
Irraggiungibile a poca distanza.
Vado via, con il cuore colmo d’amore.
E invece sarà un vuoto colore.
Cammino, con la gioia del domani,
che sarà solo dolore.
Ira, furore,
impotenza nelle mie mani.
E ascolto te,
lontano tra le mie lenzuola di bianca purezza.
E penso a te,
che dai forza ai miei pensieri.
E canti.
Tu, che accendi la speranza.
L’eccitazione, l’energia, la vita.
Tu.
Irraggiungibile,
che alla fine della serata andrai via.

Ribichesu Davide

Vecchie bozze 4 - Attesa

Il tempo gorgoglia nel ventre:
è un pensiero che ti consuma.
L'artico in corde di violino
penetra nella solitudine.
Senza luce,
nel mentre di un'ansia come piuma,
come delicata fiamma di cerino,
vivi l'inquietudine.

Ribichesu Davide

Vecchie bozze 3 - Impressioni

I tuoi occhi sognanti,
le mani frementi,
lasciano il posto al furbetto e felice sorriso.
I tuoi sguardi,
dei movimenti titubanti,
sono di una dimensione sconosciuta di mondi amanti.
I grazie frequenti,
le mie parole nei tuoi riguardi,
trattengono dello zolfo acceso sul tuo viso.
E se ardi?

Ribichesu Davide

Vecchie bozze 2 - Ti penso

Dove sei? parte alienata, durante una sconfitta di sguardi. Dove sei? mente rivoltata, nel tornado di dardi. Dove sei, mia amata? tornerai presto o tardi? Dove sei poesia intatta?: stanno morendo i miei versi ingordi.

Ribichesu Davide

Vecchie bozze 1

Libero dal rapimento psicofisico, estraneo dalla trattazione di un sentimento politico. Ora si gioca alla pari con i dadi tratti, immune da ludici maltrattati. O vinci oppure perditi, o rimani oppure disperditi.

Ribichesu Davide

martedì 7 marzo 2017

2^ edizione del Trail del Marganai

Io non so cosa hanno provato intimamente i miei compagni di squadra durante le loro corse, il loro muoversi verso ovest: il punto cardinale chiamato Buggerru. Non riuscirò mai pienamente a sapere e comprendere cosa ricorderanno di quel rientrare affaticati, del solo aver sperimentato per sport una piccola parte della dura fatica che si è consumata in questi territori, di questo terreno denso di storia mineraria. Ma questo racconto è anche per loro, per la loro passione e la loro dedizione ad uno sport che prende ma che sa anche donare molto: se ti metti un attimo a riflettere, se sai cercare e trovare. E il riassunto di questa ricerca sono i complimenti che si scambiano a fine gara sotto forma di parola e pacche, sono la consapevolezza che ognuno dei presenti è stato bravo, ha onorato la gara, e lo sai perché tu hai vissuto quello che hanno vissuto loro e sai in qualche modo cosa vuol dire!
Questo sarà il mio punto di vista.

Si può allora pensare che il Trail del Marganai non è solo una gara, personalmente la individuo più come un percorso di vita. Le gare di 4 o 5 ore mi danno sempre questa impressione, specie se con dislivelli importanti. Non ho mai fatto di peggio, ma questo è il peggio che sono riuscito ad affrontare fino ad ora,  è la gara più dura che personalmente ho sconfitto. Si, perché il Marganai lo si può anche sconfiggere se lo si rispetta. Penso alla mia bravura, e alla bravura dei miei compagni, agli allenamenti che hanno fatto per arrivare a sorridere dopo un’esperienza di questo tipo. Penso alla notte, a quella pioggia che scende, al clima nonostante tutto confortevole, alla strada bagnata prima di entrare nell’oscurità della grotta e ai corridori che scappano già verso il traguardo e si perdono nelle tenebre in cui ti inghiotte la roccia. Ti trovi a partire, ti senti piccolo e smarrito se non segui chi hai davanti. Sei già in difficoltà, ma poi, trattenendo la tua integrità la luce ritorna, più luminosa di prima. Qualcuno ti aspetta: facce amiche. E’ ora di correre verso la prima salita. Senti un brivido di freddo e allora alzi lo sguardo verso il cielo: leggere nuvole che sembrano nebbie grigie che si disperdono lasciano spazio ad un azzurro chiaro e profondo, spaziale. Non pioverà, sai già che farà una buona giornata. Corri verso i raggi del sole che presto arriveranno. E’ come rinascere dal buio di un freddo parto litico, verso nuove esperienze che mai hai visto: vedrai la manifattura della natura e dell’uomo all’opera. E dopo i tuoi primi passi è subito salita, sempre più dura, con tratti di roccia e pietre che si inframmezzano alla terra dei sottoboschi. Affronti di nuovo delle oscurità, ma la speranza è lì: la luce del sole, ricordi? Km e km di tutto questo, e poi la discesa, finalmente. Dopo le gocce che ti scendono addosso dai rami e dalle foglie lungo stretti sentieri, come pioggia fatata che ti idrata e purifica con la sua freschezza mattutina, rivedi ampi spazi e aria tersa dove la vista può spaziare. Segni di vita: ehi, uomo, sveglia! Hai fatto solo la primissima parte. Ora, per un attimo, basta sentirsi solo nel viaggio! Togli la giacca impermeabile e senti i raggi. Un pensiero ti passa per la testa: ora si fa sul serio. Ma subito dopo ritorni umile. Torni a salire, e con la salita torni padrone dei tuoi limiti umani. Senti le gambe che si vogliono già ribellare, per un po’ ti senti tradito dalle asperità che tanto rispetti. Poi, invece, la difficoltà arriva proprio da quella discesa che dovrebbe farti ritemprare, respirare. Si respira, effettivamente, ma solo per i paesaggi fatati e i panorami potenti e immensi, che ti spezzano il fiato: l’aria la introduci dopo con la seguente meraviglia. Ma tu devi guardare dove metti i piedi, sennò cadrai, mentre chi diventa tutt’uno con il terreno vola. Tu puoi solo bloccarti se non entri in sintonia con quello che le piante dei piedi ti trasmettono, e se non fai questo puoi solo perdere tempo. Cadi, rischi di farti male, e capisci quale deve essere il modo di procedere, questa volta sarà così, ti senti tradito anche dalla discesa amica: fai il signore, lasci perdere e ti adegui, puoi già vedere la bellezza di questa scelta. E se alzi lo sguardo anche la gara che ogni tanto riappare in testa sparisce, tu rimani rapito. Ti fermi per i tuoi bisogni e sorridi al fumo bianco che ti si leva da tutto il corpo: che magnifica giornata sta per fare! Poi il panorama si chiude. Scendi tranquillo e composto, evitando tutto quello che devi evitare, vieni premiato da poca stanchezza e da un percorso che sembra non finire mai, ma che poi si dischiude presto sul ristoro: bevi un sorso d’acqua e subito ti spingi verso strappi di oltre 1km! I fuoristrada qui scendono con i freni tirati. Tu guardi verso l’alto e gli scorci ti rinchiudono nel tuo io. Aspettavi queste salite e ne rimani impressionato, è dura, più di quello che pensavi. Pensi che ti sei allenato. E il paesaggio è più bello di quello che pensavi. Hai fatto tante salite nei monti di casa e qui sei in una terra selvaggia, sconosciuta, che dovrebbe nutrirti. E allora ti nutri. Ti fai piccolo e stretto, ti accorci, e piccoli passi, infiniti passi, ti fanno arrivare in cima una volta, e anche la seconda! La strada sale sempre, anche nel piano fai fatica. Una discesa eppure c’è ma non ti sembra quella che è, e neanche più la ricorderai. E poi Antas, anche per il tempio è sempre salita. Una piazza naturale, con un fotografo che si illumina di riflessi solari in lontananza, tu che sorridi, guardi le altre salite, i monti lontani che dovrai scalare. Sorridi, perché i boschi si fanno in parte erba e pascoli: la visuale ti rende ottimista. Stai già crollando fisicamente ed emotivamente ma la pietra del tempio è come te, forte e inarrestabile al tempo. Bevi veloce, ricordi il tempo che scorre: è ora di continuare a correre. Torni a salire, ti senti nuovamente smarrito e subito dopo determinato, le gambe si muovono sempre piano: da quando sei partito qualcosa non va e ti senti più lento del solito. Sto correndo bene o malissimo? Sono bloccato o la gara è più dura di quello che sembra? Anche i tratti di piano sembrano un tapis roulant al contrario. O forse il terreno ti assorbe energia? Ma tu hai mangiato, sai che le energie sono da qualche parte. Scorrono i km, tu pensi alla vita, a cosa sei, cosa hai fatto, perché sei e fai, continui, ti adegui, e non ti fermerai! Più vai avanti e più non ti fermerai! Perché Malacalzetta è lì dietro e già vedi le antenne dell’ultima salita. La strada nel frattempo si è rifatta larga, vedi meglio gli ampi spazi. Mancano quelli che sembrano 14 o 15 km. La strada si fa desertica, un deserto verde intorno. La strada, brulla ma piacevole, nonostante tutto ti rinfranca. Le pozzanghere di acqua ghiacciata, sul largo sentiero che rende i tuoi passi sempre più inutili, nonostante tutto ti distraggono. Ti senti sempre lento ma quasi inarrestabile. Tu sei il maestro del tempo, e il tempo lo controlli. Ed è già ora dell’ultima salita, prima dell’ultima discesa, prima dell’ultima salita, prima dell’ultima discesa: queste ultime sono solo e semplicemente quelle che dovrebbero essere le peggiori. Evviva, verso le antenne! Inizi a lasciare alle spalle anche Malacalzetta, lungo una salita che non vuole aiutarti: infida, bastarda! Ma non la farai mai vincere: io non mi fermo, non rallento! Ti ricordi che tutto sommato non hai quasi visto niente dei bellissimi panorami e luoghi che hai attraversato, sempre concentrato. Ti giri e guardi verso il basso: qualcuno mi insegue: è già da circa un km che mi vuole raggiungere. Si sarà accorto di me? Chi può essere della 47? Mi faccio qualche idea. Vado avanti. Altro ristoro: bevo, riparto. La discesa sarà come le altre: faccio fatica ad andare svelto, e ben presto sento presenze umane dietro di me. Tutti ti superano, sono i concorrenti della 27 km! E’ vero: sono già oltre il ricongiungimento del percorso. Ti sfrecciano affianco al doppio della velocità, in discesa sono degli animali professionisti da trail. Li fai passare prima che ti travolgano. Mi sembrano degli Dei: un tempo anche io forse sapevo fare qualcosa del genere, o sono solo stanco? Non hai timore, dopo c’è la salita: voglio solo arrivare a quell’ultima salita. Forse sto risparmiando le energie per quella da quando sono partito. Spesso ho pensato solo e semplicemente: Davide, devi finire la gara, il ritiro non esiste, è il tuo primo obiettivo. Ascoltati. La salita come paradiso, ti porta al paradiso, e la discesa è un inferno in cui le gambe hanno paura, paura di cadere, di faticare. La salita è così benevola: più fatichi più ti toglie un peso, finché non ne rimane più. Ed eccola, sempre più dura, con tornanti strettissimi. Ad un certo punto i concorrenti della 17 km che si infilano, infilzano nel tuo sentiero: insieme a te verso la vita, la festa, la fonte della giovinezza dei giardini Linasia. Sembra di compiere un ultimo sforzo, l’apice di ciò che si possa compiere oggi, quando cerchi di moderare la tua forza con cui ti tieni al corrimani in legno degli scalini che devi affrontare: sembrano quasi metterti alla prova: se non sei degno si staccano e precipitano indietro insieme a te. Ma ti fanno passare: ti ritrovi nell’Eden e trovi subito il ristoro! E invece qui si aprirà ben presto l’ultima vera prova prima del grande finale. Le antenne vanno conquistate. Si sale e si sale, immerso in concorrenti che non sono della tua gara ma che ti distraggono, ti stimolano, anche se loro potrebbero non esserne consapevoli. O forse si? Ti salutano, ti nominano, certe volte sembra di correre insieme, come tanti escursionisti, come tanti affamati verso un banchetto, o verso la salvezza? Cerchiamo un calice da cui bere? Siamo attratti, da quale forza angelica? Tutto ti porta inconsciamente a togliere altre forze per continuare a salire. L’ultima ascesa è una prova di pazienza, sembra infinita. Ma se trovi la calma vedrai, come se fosse sempre stata lì ad aspettarti, e spuntare all’improvviso, dove sempre pensavi di averla già vista tantissime volte, una freccia che va verso il basso. La tua calma, se è rimasta serena, ti farà affrontare l’ultima discesa con piacere, anche perché ormai avrai imparato a scalare i pendii al contrario. I minuti al km quasi si assomigliano: ti renderai conto che certe volte ti sei mosso alla stessa velocità, sia verso il basso che verso l’alto, lungo tratti che non sono di percorsi terreni. La discesa interminabile ti viene in aiuto, ora finalmente si! E ti toglie anche la monotonia con brevi salite, odiate: finalmente ti senti un po’ libero di maledirle, schernirle. Siete finite: cari D + non mi avete piegato! Loro sono solo un ricordo di quello che hai affrontato, sono prima degli ultimi 3km, dove gli occhi ora si godono lo spettacolo che si concretizza in esclamazioni. Dopo tanto tempo mi sembra di parlare per la prima volta! E’ quasi fatta. Le pendenze diminuiscono, il bosco lascia strada all’asfalto. Niente è duro se non finisce duramente: l’arrivo sembra ancora lontano e innumerevoli macchine parcheggiate ti fanno da contorno. Non sembra possibile avere una così lunga scia di contemporanea tecnologia affianco. Tu spingi con tutta l’energia che hai quella liberazione che ti sfocia fuori. Si giunge, si gira un’ultima volta: sei arrivato! L’applauso è il tuo premio, e te lo sei meritato sicuramente, perché veloce o piano, poco o molto, hai corso al soddisfacente Trail del Marganai! Bravissimo Alberto Crobu! Bravissimo Alessandro Dessì!! Bravissimo Carter!!! E bravissimo anche il nostro amico Tino!!! Bravissimi tutti!!!